lunedì, settembre 25, 2006

Certe volte le persone che stanno attorno a me -i riferimenti non sono puramente casuali- dicono che io sia egoista. Leggendo questi aforismi in un periodo in cui sono così sensibile, credo che gli egoisti siano quelle persone che dicono che io sono egoista.

Egoista: persona priva di considerazione per l'egoismo altrui.
Ambrose Bierce

L'egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell'esigere che gli altri vivano come pare a noi.
Oscar Wilde

L'egoismo non consiste nel vivere secondo i propri desideri, ma nel pretendere che gli altri vivano nel modo che noi vogliamo. L'altruismo consiste nel vivere e lasciar vivere.
Oscar Wilde

Una rosa rossa non è egoista perchè vuole essere una rosa rossa. Sarebbe orribilmente egoista se volesse che i fiori del giardino fossero tutti rossi e tutte rose.
Oscar Wilde


Queste persone sono le stesse persone che vogliono che io mi comporti in un certo modo, che mi dicono cosa dovrei fare, quando e come. Impongono a me di comportarmi come loro desiderano, come loro ritengono giusto. Talvolta rinfacciando tutto quello che ho fatto e che desidero fare. Colpiscono nei punti deboli, quei pochi rivelati quando non si resiste e l'unica cosa da fare é lasciarsi andare. E se arrivano a minacciarmi vuol dire che sono arrivati proprio agli sgoccioli. Non ce la fanno più, mentre io posso farcela ancora per molto. Perché dovrei? Sembra che questa relazione sia arrivata alla fase conclusiva del braccio di ferro. L'acido lattico ti corrode la mente più del muscolo, proprio allo stesso modo di come ti logora il non riuscire a dire qualcosa di molto importante ad una persona. L'altro braccio é più forte di te. Sembra di avere un muro impossibile da superare. Tutto é nella nostra mente. Il Muro é nella nostra mente. Viene riflesso sugli altri, così che non possiamo vedere nulla. Cechi nel vedere quello che provano, quello che ci comunicano istintivamente, soffermandosi su "tutto quello che sembra". Questo é l'egoismo? Non riuscire a capire quello che le altre persone sentono? Si é così egoisti da far volere agli altri solo quello che si desidera per se stessi. Il Muro si interpone nei rapporti più importanti, nei momenti più delicati ed in cui vengono fuori tutte le insicurezze. Lasciarsi andare sembra impossibile perché con il tempo il Muro é diventato sempre più alto e temprato da tutti gli attacchi. Cosa fare: cedere ancora una volta o resistere? E se cedessero tutte e due le parti? E' la soluzione migliore per tutti. Ma come può l'altra parte capire. Capire che, se io cedo é solamente perché ci sto provando. Sto venendo incontro. Vorrei che le persone riuscissero a parlarmi. Sembro sicuro di me, freddo, quasi inamovibile. Questo é quello che sembro. Ma la sembianze del comportamento di una persona come me, sono dovute alla paura di lasciarsi scoprire, di soffrire perché ha già sofferto abbastanza. Essere introverso, timido e sensibile porta a sembrare quello che non si é. Dentro di me c'é un mondo. Nessuno lo ha mai scoperto, qualcuno ci sta provando e solo una persona ci sta riuscendo.
Vorrei che tutto fosse facile. Scontato: "Che Egoista!".

lunedì, settembre 11, 2006

Mi sono mai lasciato andare? Mi sto lasciando andare?
Lascirsi Andare. Questo é ciò che mi frustra da ieri sera. Sì. Mi stressa molto il pensiero a questo argomento. Non ci avevo mai pensato. E ora che qualcuno mi ha messo la pulce nell'orecchio é il caso che io ci pensi un po' e conosca meglio me stesso. Non é facile, ma é importante che mi renda conto, anche solo un po', se io mi sto laciando andare del tutto. Spero di poter tornare presto a rispondere o quantomeno ad approfondire questo post, perché é importante quello a cui si riferisce.

venerdì, settembre 08, 2006

Ne é passato di tempo dall'ultimo post? Direi proprio di sì!
Avevo intenzione di non continuare a scrivere su di un blog e far sì che questo potesse rimanere il blog della mia Erasmus. Nonostante questo desiderio, appena ho un po' di tempo la voglia di scrivere torna. Certo! Non é solo questione di avere del tempo libero nella vita di tutti i giorni. Capita spesso di trovarsi ad avere poca voglia di fare quello che si deve, o semplicemente poco da fare per poter scrivere qualcosa che sta succedendo.
Sì, di cose ne sono successe. E non starò certo qui a descriverle. Posso solo dire che é un periodo bello, ma allo stesso tempo per niente facile. Ed in controtendenza a tutte le avversità sono felice, molto felice. Non so se le persone che mi sono attorno si accorgano di questo mio periodo. Certamente il mio comportamento é un po' cambiato ed anche qualche piccola abitudine, che comunque non ho mai reputato minimamente importante. In ogni caso, io non mi riferisco a questi accorgimenti della mia vita. Sto parlando dell'entusiasmo con cui riesco ad affrontare molte cose. Delle mie labbra quasi perennemente sorridenti. Della gioia che ho dentro, che i miei occhi non riescono a trattenere...come possono queste mie emozioni non essere avvertite dalle persone che mi stanno attorno? Ma ancora più emblematico ed importante: come fanno queste persone a far finta di nulla e cercare di sembrare disinteressate di fronte a me?
Ci sono cose che vorrei urlare al mondo. E il mondo starebbe lì' ad ascoltare. Bhé, queste sono le cose che non posso dire..almeno per il momento.
Poi ci sono delle emozioni che vorrei e potrei gridare al mondo. Ma di quest'ultime il mondo se ne frega, o fa finta di farlo.